liberidiamare 0

17 Maggio 2012: Liberi di amare, liberi di essere 05/16/12

17 MAGGIO – GIORNATA INTERNAZIONALE CONTRO L’OMO/TRANSFOBIA STUDENTI E STUDENTESSE VERSO IL BOLOGNA PRIDE 2012  Alla vigilia delle celebrazioni per la Giornata Internazionale contro l’Omofobia e la Transfobia il prossimo 17 maggio, ...


17 MAGGIO – GIORNATA INTERNAZIONALE CONTRO L’OMO/TRANSFOBIA

STUDENTI E STUDENTESSE VERSO IL BOLOGNA PRIDE 2012 

Alla vigilia delle celebrazioni per la Giornata Internazionale contro l’Omofobia e la Transfobia il prossimo 17 maggio, molte saranno le iniziative ad avvicendarsi sui territori. Come ogni anno saranno spese parole di sostegno dalle istituzioni e il diffuso ripetersi a mano tesa di formule di solidarietà alla comunità LGBTQI, di incoraggianti prospettive di miglioramento, i cui esiti spesso sono scontati. Soprattutto in tempi di austerità pare sia sospeso ogni diritto, pare che non ci sia spazio per la giustizia sociale, né la possibilità di mettere in risalto la causa dei diritti di milioni di gay, lesbiche, bisessuali e transgender, e della lotta collettiva all’omo/trans fobia.

Le cifre della crisi sono ancora più scottanti sotto il profilo sociale e culturale: nelle piazze di tutto il mondo in questi anni, dagli indignados ai Pride è
stato messo a nudo il modello di sviluppo etero-capitalistico, fondato sulla libera speculazione e sul dominio del capitale, venduto come portatore di benessere economico e materiale, che non solo non ha portato ad un conseguente benessere sociale, contestualmente al raggiungimento di eguaglianza e libertà soggettive, ma ha di fatto bloccato pericolosamente importanti meccanismi di avanzamento sul piano di tutti i diritti.

Come studentesse e studenti della Rete della Conoscenza (Uds e Link) e militanti di Arcigay, da anni impegnati insieme nel progetto ambizioso di coordinare le rispettive esperienze nella lotta a ogni forma di discriminazione nei principali luoghi della formazione e sui territori in cui siamo radicati, insieme denunciamo non solo il clima di omo/transfobia che quotidianamente nutre con parole d’odio il terreno sul quale la violenza si radica e si diffonde, ma soprattutto le parole non dette per tutelare la comunità LGBTQI, le troppe occasioni mancate da parte di un Parlamento e istituzioni, che percepiamo sempre più scollate dalla realtà e dalla società.A noi, giovani precarie e precari, lavoratori e lavoratrici, studentesse e studenti di un paese tutt’altro che pacificato, questo silenzio non può che far paura, non può che farci rabbia.

L’emergenza di fenomeni omotransfobici in Italia non si è mai arrestata: spesso, poco visibile, lontana dai riflettori, latita tra le fratture sociali, alimentata da conservatorismi sessisti, maschilisti e patriarcali ancora largamente diffusi a tutti i livelli della società; dalle violenze domensitche alle discriminazioni sul posto di lavoro, dallo stillicidio del minority stress al preoccupante incremento di fenomeni di bullismo che ogni anno registra centinaia di vittime nella scuola media primaria e secondaria. Crediamo pertanto sia imprescindibile l’educazione al rispetto, al riconoscimento e alla valorizzazione di ogni tipo di differenza a partire dai principali luoghi della formazione: scuole e università, ponendo come centrale la questione di una corretta educazione all’affettività, alla cultura dell’inclusione e della solidarietà, contrapponendola a quella della competizione e dell’individualismo. Un’occasione collettiva per combattere la paura dell’altro/a, del “diverso”, opponendoci con fermezza ad ogni prassi di affermazion

e identitaria che passi attraverso la negazione delle differenze, affinché ogni individuo sia libero di amare e di essere se stesso, liberandosi da etichette e pregiudizi.

Come Arcigay e Rete della Conoscenza continueremo a promuovere nelle scuole superiori iniziative che diffondano una cultura inclusiva e del rispetto, proponendo modelli di sessualità libera, informata e consapevole, eventi di formazione alla prevenzione delle MST, e al rispetto della parità tra i generi. Tante le iniziative svolte nei luoghi della formazione per il percorso di avvicinamento al 17 Maggio: la due giorni di coogestione svolta al liceo Gioia di Piacenza ha visto una massiccia partecipazione di studenti e studentesse ai workshop su sessualità e educazione alle differenze; molti gli istituti coinvolti fino all’iniziativa di fine maggio a Campobasso, in cui due pomeriggi di formazione rivolta a studenti, genitori e docenti, saranno dedicati al tem 

a della pevenzione dei fenomeni discriminatori nell’ambiente classe; tutto questo mediante una sostanziale riforma di riqualificazione degli spazi scolastici pomeridiani ben oltre la tradizionale didattica frontale.
Si moltiplicano nelle Università iniziative per la promozione della prassi del doppio libretto - piccola soluzione – per studentesse e studenti in transito come provvedimento che tuteli il loro percorso di cambiamento, assicurando così un sereno percorso di studi: attualmente più di dieci gli atenei (Bari, i tre atenei di Roma, Salerno, Pisa, Napoli, Milano etc) in cui la proposta è in corso di discussione nei Comitati Pari Opportunità – in via di chiusura – o nei Senati Accademici, sul modello virtuoso inaugurato dall’Università di Torino. All’università di Fisciano uno sportello cogestito da Arcigay, Link e Cgil tutela i diritti delle persone LGBTQI, garantendo, oltre ai servizi, momenti di proposte programmatiche per l’Ateneo attraverso i rappresentanti di Link presenti negli organi di governance dell’ateneo.
Sempre a Salerno a partire da questa settimana saranno attivi militanti di Arcigay e della Rete nel far vivere nella città l’esperienza del Pride Park al parco Pinocchio, costruendo un percorso sociale e culturale forte nel capoluogo di provincia, che vada oltre la giornata del 17, e che vedrà il suo culmine nella parata del 26 maggio. All’università di Siena il 16 maggio un’intera giornata dedicata ai diritti LGBTQI, attraverso assemblee, workshop e cineforum promosse sempre in modo congiunto dalle due associazioni; a Bari il 15 e il 16 lezioni in piazza su diritti e omofobia: il 17 sarà inaugurata una targa al comune in memoria delle vittime dell’omocausto, e la sera verrà rilanciato il cross-kissing nelle strade della città. Le bandiere arcobaleno coloreranno le finestre di tante scuole da Piacenza a Campobasso, da Vimercate a Latina e tante altre ancora, con assemblee e dibattiti a tema. A Torino il 17 maggio verrà promosso un flash mob sotto l’Inps dalla Rete della Conoscenza come Alter Eva, Laboratorio Last e Studenti Indipendenti, per denunciare il modulo ICD9 chiedendo provocatoriamente la pensione in quanto omosessuali egodistonici.

utilizza questa immagine come copertina facebook

Queste solo alcune delle numerosissime iniziative coordinate e organizzate dalla preziosa collaborazione tra Arcigay e Rete della Conoscenza: un vero tragitto a tappe per arricchire il percorso verso i Pride e oltre. Di fronte allo sconcertante abbandono di una politica sempre più arroccata nei palazzi del potere, il 17 maggio sarà per noi l’occasione di rilancio e di protagonismo sociale di tutta la comunità LGBTQI, soprattutto per chi quotidianamente milita per la realizzazione della piena e completa cittadinanza di ogni tipo di differenza. Il 17 maggio sia pertanto un impegno quotidiano che ci permetta di essere ancora una volta il sale che brucia nelle ferite della politica, un’ulteriore opportunità, nell’ottica di trasformazione di un bisogno collettivo in una grande vittoria storica, per la liberazione di ogni soggettività.

ARCIGAY – RETE DELLA CONOSCENZA


You can leave a response, or trackback from your own site.

Leave a Reply

close comment popup

Leave A Reply

Related Links

Partner Links