copertina_WAKE_UP_RAPPR 0

RAPPRESENTANZA STUDENTESCA: WAKE UP – E’ TEMPO DI SVEGLIARSI 10/07/17

Sei stanco di subire le decisioni del dirigente scolastico e dei tuoi docenti? Vuoi decidere sulla tua scuola? Sei stanco dei soliti rappresentanti e vuoi metterti in gioco in prima ...


Sei stanco di subire le decisioni del dirigente scolastico e dei tuoi docenti?

Vuoi decidere sulla tua scuola?

Sei stanco dei soliti rappresentanti e vuoi metterti in gioco in prima persona?

Candidati con Wake Up – è tempo di svegliarsi, il più grande network di rappresentanti del paese!

Da anni ormai gli spazi di democrazia nelle nostre scuole si riducono a vista d’occhio, ci viene negata costantemente la possibilità di decidere sulle nostre scuole e la repressione è ormai quotidiana. La figura del Dirigente Scolastico è ingombrante, legittimata dall’ultima riforma dell’istruzione ‘’La Buona Scuola’’ che ha istituito la figura del Preside-Sceriffo accentrando tutti i poteri nelle sua figura. Gli ultimi eventi di cronaca hanno confermato, infatti, ciò che denunciavamo nelle piazze contro l’approvazione della 107: a partire dalla decisione di imporre con sanzione disciplinare il Dress Code di una scuola di Rimini in nome del ‘’decoro’’, alle minacce per chi denuncia i casi di sfruttamento in alternanza scuola-lavoro la possibilità di vivere la scuola come il proprio ambiente da poter cambiare ed evolvere secondo le proprie necessità è sempre più negata.

Noi studenti, però,  abbiamo un grande strumento nelle nostre mani per contrastare questo modello di scuola chiuso ed escludente: la rappresentanza studentesca.

Ma siamo stanchi del vecchio modello di rappresentante che una volta eletto abbandona gli studenti e decide da solo: la rappresentanza deve innanzitutto aprire spazi di democrazia nelle nostre scuole per dare la possibilità a tutte e a tutti di partecipare attivamente ai processi decisionali del proprio Istituto e non solo.

La creazione di collettivi o associazioni d’istituto, la convocazione mensile del comitato studentesco, organo di cui fanno parte tutti i rappresentanti di classe, il ripensamento delle forme di assemblea d’istituto che vediamo sempre meno partecipate, la creazione delle commissioni paritetiche su alternanza, didattica e valutazione è fondamentale.

Come è fondamentale dare nuovo peso a questi organi e momenti che devono essere luoghi decisionali e non solo consultivi.

In questo senso, la battaglia sull’aumento del numero degli studenti nel Consiglio d’Istituto per equipararlo a quello dei docenti è storica e gli va dato nuovo respiro.

Due altri aspetti importanti su cui bisogna lavorare sono i diritti e la creatività.

Con l’alternanza scuola-lavoro abbiamo visto come molte esperienze sono diventate veri e propri casi di sfruttamento, inoltre ad oggi non esiste uno Statuto che tuteli i diritti degli studenti.

Per questo ne abbiamo scritto uno noi: portarlo e farlo approvare nei Consigli d’Isitituto significa tutelare i diritti di tutte e tutti e garantire esperienze di alternanza davvero formative e di qualità, com’è anche fondamentale distribuire i primi giorni di scuola lo Statuto delle studentesse e degli studenti per informare tutti dei propri diritti, troppo spesso calpestati,

Dall’altro canto la creatività è un altro aspetto da stimolare nelle scuole, come anche l’aggregazione. La scuola, infatti, è uno dei pochi luoghi collettivi rimasti: organizzare tornei sportivi, concerti con band emergenti, contest creativi, eventi di scambi interculturali per integrare la componente migrante delle nostre scuole troppo spesso esclusa, organizzare ripetizioni peer to peer a costo zero, ottenere l’auletta autogestita, organizzare giornate di didattica alternativa significa non solo immaginare, ma anche praticare una scuola diversa, davvero aperta, partecipata e viva.

Ma noi vogliamo ripensare, oltre alla scuola e alla rappresentanza, anche delle Consulte diverse. Siamo stanchi dei soliti teatrini delle giovanili di partito, vogliamo una rappresentanza indipendente, davvero vicina alle esigenze e ai bisogni delle studentesse e degli studenti. Proprio per questo vogliamo che i rappresentanti di consulta possano partecipare al Consiglio d’Istituto della propria scuola, per essere da tramite sia nei confronti delle consulte provinciali, sia nei confronti della scuola stessa, troppo spesso completamente all’oscuro delle attività promosse dalle consulte.

E’ importante, proprio attraverso questi organi, riuscire a mettere in rete le scuole della provincia e della regione per riuscire non solo a promuovere eventi di tipo culturale e sociale, ma anche portare all’attenzione delle istituzioni problemi come quello dell’edilizia scolastica.

Questi sono solo alcuni dei temi che come Wake Up – è tempo di svegliarsi vogliamo portare nelle scuole e nelle Consulte, per materiali utili, schede tecniche e aiuto compila il nostro Form https://goo.gl/JpHkZs , vai sul sito https://studentswakeup.wordpress.com/ , contattaci alla nostra Pagina Nazionale Wake Up – è il nostro tempo o al numero 3278331071!

[ SCARICA I MATERIALI! ]

GUIDA ALLA RAPPRESENTANZA

BOZZA PROGRAMMA CONSULTA

- BOZZA PROGRAMMA PER LA RAPPRESENTANZA D’ISTITUTO

- BOZZA REGOLAMENTO COMITATO STUDENTESCO

COME LEGGERE IL BILANCIO D’ISTITUTO?

FRONTE VOLANTINO

RETRO VOLANTINO


You can leave a response, or trackback from your own site.

Leave a Reply

close comment popup

Leave A Reply